Lo psicologo psicoterapeuta in comunità

La differenza tra uno psicologo ed un psicoterapeuta sta nel tipo di preparazione più approfondita. Uno psicoterapeuta è uno psicologo che ha studiato per ottenere la specializzazione.

La semplice esperienza maturata a supporto della comunità può non essere adeguata ad affrontare le tematiche più diffuse attualtmente:

In Lombardia esistono molti professionisti specializzati nelle tematiche sopra elencate.

Quando ad una comunità serve lo psicologo

Probabilmente, in un dialogo tra persone non addette ai lavori, quando si pensa ad una "comunità" il pensiero corre rapidamente comunità per persone con gravi dipendenze.

Si consideri tuttavia che il termine più corretto per definire le persone che si trovano in una comunità per dipendenze è ospiti e non pazienti.

Una maggiore autostima può aiutare i pazienti

Prendendo spunto dagli scritti di alcuni studiosi di fama internazionale, nei prossimi paragrafi andremo a riassumere 8 tecniche utili per aumentare l'autostima.
Quando si tratta di considerare il nostro valore, a volte tendiamo ad essere noi stessi i giudici più severi.

Fondamentale sarebbe, invece, avere un'opinione di noi stessi realistica e riconoscente e interiorizzare il concetto che ognuno di noi è nato con tutte le capacità per vivere nel migliore dei modi anche se con mix di abilità diversi.
Alcuni di noi si condannano a una vita di autocritica cercando conferma negli altri delle proprie convinzioni auto-limitanti.

Ecco alcune dritte per cercare di uscire da questo circolo vizioso:

Quale aiuto da uno psicologo psicoterapeuta in comunità?

Tutti noi siamo sottoposti giornalmente a sfide e difficoltà che tendono a destabilizzarci e che a volte sono talmente ardue da costringerci a rallentare e cercare il sostegno di un professionista capace di aiutarci a superare i nostri problemi e che ci indichi la giusta direzione da prendere per superare i momenti critici che si presentano sul nostro cammino.

A volte però le sole sedute di psicoterapia potrebbero non rivelarsi sufficienti per trattare adeguatamente determinati disturbi che necessitano di un trattamento più invasivo e impegnativo.

Lo scopo principale della comunità è estrapolare il paziente dal suo contesto abituale e inserirlo in un ambiente capace di indirizzarlo immediatamente verso uno stile di vita più sano e corretto.

È difficile descrivere con precisione quali regole vengano seguite all'interno di una comunità perché queste possono variare molto a seconda dell'istituto a cui ci si rivolge; è sicuro però che chiunque sia sottoposto alla terapia dovrà seguire ciecamente i dettami che gli verranno imposti e che essenzialmente serviranno per assicurare una convivenza pacifica all'interno della comunità, oltre che rappresentare la dimostrazione delle capacità del paziente di vivere seguendo i dettami della società, anche al di fuori del gruppo.

Il punto di forza della terapia in comunità è la possibilità dei pazienti di potersi confrontare e rapportare costantemente con gli altri individui che partecipano alla vita della comunità e cercare in loro la forza e il sostegno necessari per proseguire nel percorso di guarigione. In poche parole la comunità sfrutta il lavoro di gruppo. Scambiando e condividendo le proprie esperienze con chi sta vivendo una condizione di disagio simile alla loro i pazienti riescono a raggiungere con più facilità e motivazione l'obbiettivo preposto. Ciò nonostante la guarigione è talmente difficile da raggiungere che è normale che durante le terapie si presenti un ex-paziente della comunità che dimostri che tutti possono rimettersi e che motivi ulteriormente i pazienti.

La terapia in comunità si rivela molto efficace nel trattamento di numerosi disturbi, come la tossicodipendenza, i disturbi alimentari e la depressione. Ciò che si propone come obbiettivo ai pazienti è quello di rientrare a far parte della società come individui autonomi e sani.

Soprattutto nelle comunità per minorenni si svolgono attività atte ad insegnare ai ragazzi come divertirsi. Questa potrebbe apparire come un'attività superflua, invece è molto importante che i giovani riescano a conoscere quale sia il corretto concetto di svago, questo perché prima della terapia è facile che abbiano sempre associato il divertimento all'assunzione di alcool, droghe o altre pratiche pericolose.

Conseguenze psicologiche della cannabis

La cannabis sativa è una pianta da cui vengono estratte sostanze come marijuana o hashish che vengono consumate per scopi generalmente ricreativi. Quali sono le sue conseguenze reali sul corpo e, soprattutto, sulla mente di chi ne fa uso?
Ci sono studi che confermano che l'uso naturale della cannabis potrebbe risalire al secondo secolo a.C. quando i chi ne faceva uso apprezzava gli effetti sul sistema nervoso causati dai composti chimici psicoattivi presenti al suo interno.
Tenendo conto del fatto che, per secoli, è stata una sostanza che ha focalizzato l'interesse degli esperti in tutti i settori - chimico, medico, ecc. - sono state condotte numerose indagini per determinare le reali conseguenze che il suo consumo può avere, soprattutto quando la si fuma.

Effetti su corpo e mente

Gli effetti immediati includono un aumento della frequenza cardiaca e una lieve sensazione di sonnolenza. Potrebbero verificarsi anche altre conseguenze quali l'arrossamento degli occhi dato dalla sua azione vasodilatatrice,  secchezza della bocca e aumento della fame soprattutto quando gli altri effetti iniziano a scomparire.
Dal punto di vista psicologico, sembra che ci sia una diminuzione delle funzioni cerebrali poiché il THC, l'abbreviazione di tetraidrocannabinolo, il principale composto psicoattivo della cannabis, può distorcere la percezione sensoriale della realtà, aumentare l'ilarità e la loquacità per diverse ore.
La fase successiva è caratterizzata da sonnolenza e apatia, il THC influenza la capacità di pensare normalmente, la memoria e il normale coordinamento dei movimenti. Se viene consumata in dosi molto elevate, la cannabis può causare paranoie, allucinazioni ed episodi di panico.
Se viene miscelata con altre sostanze, come il tabacco o l'alcol, gli effetti possono essere aggravati e la dipendenza può essere ancora maggiore soprattutto nel tabacco.
Gli effetti immediati possono essere accentuati a lungo termine, causare danni irreparabili ai neuroni e generare alterazioni permanenti dell'umore, perdita di memoria o problemi del sonno che impediscono un normale sviluppo dell'attività personale o professionale.

Cannabis sì o cannabis no?

Diverse organizzazioni sanitarie concordano sul fatto che un consumo eccessivo di cannabis può diventare molto dannoso per il corpo, sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico, e portare a gravi episodi di depressione o schizofrenia.
Tuttavia, ci sono anche studiosi che sostengono l'utilizzo della cannabis a fini terapeutici. Come essi sottolineano, il suo effetto analgesico può essere particolarmente efficace per alleviare i sintomi di alcune malattie croniche, prevenire le convulsioni e persino aiutare nel trattamento di disturbi e deficit di attenzione.

Dipendenza dall'alcol

L'alcol è una delle sostanze che crea dipendenza maggiormente accettata dalla società, tuttavia può creare conseguenze negative pari a quelle causate dalle droghe.
Le persone che soffrono di dipendenza dall'alcol tendono a vedere compromessa la loro salute fisica e mentale, quindi è consigliabile una terapia psicologica che li aiuti ad uscire dal circolo vizioso in cui si trovano.

Quali sono le cause della dipendenza dall'alcol?

Chi beve quotidianamente o molto spesso e per un lungo periodo di tempo è più suscettibile all'alcolismo soprattutto se ha iniziato a farlo da giovane.
Ci sono anche altri fattori che influenzano la dipendenza dall'alcol. Uno di questi è quello che riguarda l'ambiente familiare. I ricercatori affermano che crescere in una casa in cui uno dei genitori è alcolista aumenta le probabilità di soffrire di questa dipendenza.
Durante l'adolescenza la dipendenza dall'alcol sembra essere la conseguenza dei desideri dei giovani di superare la timidezza e sentirsi integrati nel gruppo.
I sintomi che esprimono chiaramente l'insorgere di una dipendenza dall'alcol sono quelli tipici dell'astinenza. Il paziente ha l'ansia di bere, è ossessionato dall'alcol.
L'astinenza si esprime sotto forma di tremori, sudore freddo, irritabilità, nausea o accelerazione del ritmo cardiaco.

Conseguenze dell'eccessivo consumo di alcol

L'alcolismo è causa di oltre sessanta malattie tra le quali la disfunzione erettile, la cirrosi, infiammazioni al pancreas e cancro, oltre a problemi sul lavoro, familiari, sociali o di coppia.
L'eccessivo consumo di alcol, oltre che a livello fisico e sociale, ha conseguenze devastanti anche dal punto di vista mentale. Tra queste, le più gravi sono la depressione, l'ansia, la demenza e l'insorgere di tendenze suicide.

Come affrontare la dipendenza dall'alcol?

Per chi soffre di alcolismo, l'ambiente familiare è di fondamentale importanza. Fermo restando che l'aiuto di un professionista esperto nel settore è necessario, la famiglia ha il compito di accompagnare il paziente nel processo di riabilitazione garantendogli sicurezza e fiducia senza incolparlo.
Nel caso degli alcolisti, è comune incontrare persone con un forte superego, persone molto represse, in cui l'aggressività è rivolta verso se stessi.
A volte sono timidi e silenziosi e non sono in grado di esprimere i loro desideri e  bisogni se non consumando alcol.
Lo psicologo in questo caso cerca di lavorare sulla repressione e l'immaturità che impediscono al paziente di dire ciò che pensa.
Le difficoltà si acuiscono in occasione di problemi o imprevisti che l'alcolista deve affrontare nella vita. L'unica soluzione che trova è quella della fuga bevendo.